Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella relativa policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Contatti: 06.200.00.82 - 06.200.00.83 - info@zucchet.com - 06.201.34.74

omonimi

FB Like
Il Phlebotomus papatasi chiamato anche flebotomo o serapica è un insetto molto diffuso nell'area mediterranea. Più grave è la Leishmaniosi dei cani, malattia che può avere esito infausto se non curata adeguatamente. Tra le patologie causate dal Phlebotomus papatasi troviamo la febbre da flebotomi, una patologia causata dal phlebovirus della famiglia Arbovirus e si contrae principalmente nei paesi del bacino mediterranei, nei Balcani, nell’africa orientale, in medio oriente, in Pakistan, India, Cina, Panama e Brasile. E' molto simile a una zanzara di piccole dimensioni. La sua puntura può trasmettere un virus della famiglia Bunyaviridae che provoca nell'uomo la "febbre da flebotomi", "febbre da pappataci", "dengue mediterranea" o "dengue adriatica", malattia non gravi i cui sintomi sono: cefalea, brividi, dolore retrorbitale, mialgie, astenia e dolori all'addome. Il contagio avviene esclusivamente tramite puntura del flebotomo infetto e la patologia si manifesta dopo tre o sette giorni con febbre acuta, cefalea, artromialgie e malessere in generale. La diagnosi può essere compiuta solamente con un esame microbiologico del sangue e la terapie è solo sintomatica dal momento che non esiste alcun rimedio valido. Ad ogni modo questa è solo una delle patologie provocate dal Phlebotomus papatasi, vene sono molte altre ancora in via di studio.