Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella relativa policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Contatti: 06.200.00.82 - 06.200.00.83 - info@zucchet.com - 06.201.34.74

omonimi

FB Like
Sitophilus o Calandra del grano è un piccolo insetto Curculionide di circa 3–5 mm di lunghezza, presenta un colore marrone con tonalità variabili chiare o scure; oltre questo presenta un lungo rostro ed antenne rossastre genicolate. E' un fitofago che attacca solitamente cereali in magazzino e in particolare il frumento, l'orzo, il mais e le paste alimentari. La femmina di questo coleottero depone le sue uova all’interno dei cereali infestati attraverso un minuscolo buco scavato usando il proprio rostro. Non presenta ali posteriori per cui è incapace di volare; le zampe sono bruno-rossastre. La stagione riproduttiva del punteruolo del grano inizia sempre in primavera, ogni femmina di Sitophilus granarius depone circa 2-3 uova al giorno fino a un totale di circa 350 uova in un periodo che può variare tra i 7 e i 9 mesi. Le uova si schiudono dopo circa 4-15 giorni ad una temperatura ideale e in condizioni favorevoli di umidità. La sua larva si sviluppa completamente in un periodo che va dai 20 ai 40 giorni e si ciba svuotando il cereale dall’interno, lentamente, di modo che dall’esterno sia impossibile accorgersi del danno. Una volta matura la larva si richiude nella sua cella pupale e vi resta per 5-20 giorni circa.