Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella relativa policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Contatti: 06.200.00.82 - 06.200.00.83 - info@zucchet.com - 06.201.34.74

omonimi

FB Like
Tribolium castaneum è un coleottero della famiglia Tenebrionidae. Questo tipo di insetto è un ottimo volatore e si sposta con grande facilità, colonizza generalmente derrate impolverate e ricche di amido. Presente in tutto il mondo è stato considerato una specie estremamente dannosa nei confronti di derrate alimentari umane (cereali, pasta, legumi, frutta secca etc.). Ha una vita relativamente lunga arrivando fino a tre anni. L’accoppiamento del Tribolio castano avviene dopo circa due giorni dell’uscita dell’adulto dalla camera pupale. Si nutre di sostanze svariate tra cui arachidi, ricino, sesamo, lino, leguminose, frutta secca, cacao e cioccolato e nelle zone tropicali anche di manioca. Ogni femmina del Tribolio depone tra le 200 e le 500 uova, una media di 20-10 al giorno in un lunghissimo periodo di circa 200 giorni. Le uova sono deposte direttamente sul substrato che farà da cibo alle future larve. Le uova si schiudono dopo circa una settimana e le larve appena schiuse cominciano a nutrirsi per un mese circa impupandosi successivamente all’interno della derrata infestata. Questo ciclo vitale si svolge nell’arco di circa 40 giorni. Le farine infestate dal Tribolio castaneum assumono quasi subito un colore rosa molto scuro e uno sgradevolissimo odore rilasciato da secrezioni oromonali di questo insetto. In circa 2 o 3 mesi l’infestazione da parte del Tribolio castaneum rende praticamente alterate e inutilizzabili tutte le farine di cui si è cibato.